+39 333 1419279 info@enjoycortina.com
+39 333 1419279 info@enjoycortina.com

Non solo sport e Natura: Cortina è anche Eccellenza a tavola

Tutta la vita sportiva – tra sci, bici, escursioni, arrampicate o semplicemente passeggiate all’aria aperta – non può che far venire fame. Cortina e tutta la Valle Ampezzana sono una destinazione top per diversi aspetti e la Cucina, pertanto, non poteva fare difetto.

L’identità della Montagna emerge forte quando vi sedete a tavola, gli esempi non mancano: speck e affettati desueti, pasta fresca, carni selezionatissime, zuppe e vellutate della tradizione, fatte con erbe e verdure locali, polente montanare tradizionali con i funghi appena colti, vini, mieli, grappe e distillati fatte con le erbe dell’Altopiano, per non parlare dei dolci…

Ecco, dunque, 3 piatti speciali che dovete per forza degustare appena mettete piede nella Valle Ampezzana.

I Casunziei

I “Casunziei” sono dei ravioli ripieni. Tra i vari tipi di Casunziei di Cortina, spiccano i Casunziei Rossi, ripieni di rape rosse, burro fuso e semi di papavero. Un po’ dolciastri, sono delle chicche decisamente raffinate, composte da farina, uova, patate, barbabietole rosse, pane grattato, pepe, sale, cannella, noce moscata, olio di oliva, burro parmigiano e, ovviamente, semi di papavero.

Se invece preferite un primo piatto più classico (ma meno tradizionale), allora potete assaggiare i Casunziei Verdi, realizzati mixando sapientemente spinaci, ricotta, burro, erba cipollina fresca e squisiti formaggi locali di malga.

Com’è ovvio, ogni chef avrà la propria ricetta segreta, custodita gelosamente: si può gustare così solo a Cortina d’Ampezzo.

Spätzle Gorgonzola e Speck

La cucina tradizionale Tirolese ha un’influenza notevole in tutto l’arco Alpino Italiano. Anche a Cortina potete assaggiare i particolari gnocchetti di colore verde – chiamati appunto spätzle – ottenuti setacciando l’impasto composto da farina, uova, spinaci lessati e acqua in una grattugia apposita, appena prima della bollitura. Generalmente, vengono accompagnati da due sapori forti come il Gorgonzola, formaggio molle tipico del nord Italia, e lo Speck delle nostre zone. Sono ottimi come primo piatto ma anche come contorno a piatti di cacciagione.

Canederli allo Speck

Potevano dimenticare una specialità delle dolomiti come i Canederli allo Speck? Facciamo un passo indietro, però. La leggenda vuole che i canederli siano nati così:

La leggenda racconta che un giorno un gruppo di Lanzichenecchi saccheggiatori arrivarono in un maso altoatesino ed il comandante minacciò di appiccare il fuoco se non avessero avuto subito qualcosa da mangiare. La contadina del maso era a casa da sola con le sue ragazze, ma senza spaventarsi si mise al lavoro. Disse alle ragazze di radunare tutto quello che c’era da mangiare in casa. Riuscirono ad avere in tavola del pane vecchio, delle cipolle, alcune uova, un po’ di speck e un po’ di farina. La contadina tagliò il pane in piccoli pezzetti e mandò le figlie a pendere un po’ di erbette dal giardino e ordinò loro di tagliarle sottili. Poi amalgamarono tutto in un’unica pasta, aggiunsero il sale, formarono delle palle e le buttarono nell’acqua bollente salata. Decisa, la contadina servì ai Lanzichenecchi affamati le scodelle piene di queste palle. Piacquero loro così tanto che il comandante meravigliato si congedò con le sue truppe, dando all’astuta contadina un paio di monete d’oro come ricompensa.

Vero o no, questo piatto è una delle basi della cucina delle Dolomiti: potete assaggiarli in numerosissime varianti, anche se quella con lo Speck è senza dubbio la principale e più conosciuta.

Polenta con…

La Polenta è un piatto dalle umili origini, tipico di tutto l’arco Alpino e del nord Italia in generale. E’ un composto morbido fatto con farina di cereali e si accompagna meravigliosamente con i funghi dei boschi Ampezzani, con la carne e la selvaggina in particolare, con le erbe. Sulle Dolomiti, non è raro trovarla con fagioli e spezzatino di maiale. Se volete assaggiare la cucina tipica delle nostre zone, le polente sono una tappa obbligata!

Tortino di Mele al Papavero

Il Papavero ha un ruolo inaspettato e piacevole nella cucina Ampezzana, e trova spazio anche nei dolci. Un dolce tipico è il tortino di Mele di montagna al Papavero, dolce e genuino finale di qualunque pasto che si rispetti. Il Papavero è aggiunto – una volta macinato – al composto del dolce, che viene generalmente servito con delle fettine di mela cotte al vapore, lamponi o altri frutti e bacche, impreziosite da gelato o salsa alla vaniglia.

 

Che acquolina vero? Scegli uno dei nostri pacchetti viaggio e vieni a gustare le tradizioni di Cortina!

Leave a Reply